Skip to content

14 ottobre 2004

Senza telecomando

Linda se n’è andata tre settimane fa, o sei, non ricordo. C’è il pacco della sua roba che deve ancora venire a prendersi.
Merda c’è un sacco di spazio in più per muoversi adesso, sul serio, la casa sembra più grande.
Si è portata via anche il cane, il suo cane, che era più affezionato a me che a lei. Ho uno strano rapporto con gli animali, ci capiamo subito, sappiamo di cosa abbiamo bisogno. Spero non vada a finire sotto una macchina quella cara bestia.
Penso la tv sia accesa ininterrotamente da un centianaio d’ore, la uso come sottofondo, una voce inutile e sempre allegra. Non è male, non ha mai crisi isteriche, mostra culi e tette a qualunque ora, non intrapende discorsi complicati. Mica come Linda.
Mi faccio un bagno caldo e mi stendo sul divano nudo.

Non dovresti girare nudo

Cosa?

Delle letterine improvvisano un balletto e poi tutte insieme con un sorriso a centotrenta denti squittiscono


Non è buona educazione!

Mi alzo ridendo, questa poi!
Mi infilo un paio di mutande e una maglietta. Mi risiedo sul divano e prendo una birra. Gerry Scotti mi sorride, panzone felice.

Questa casa è uno schifo, su mettere un pò in ordine! E usate la scopa PIPPO!

Mi guardo intorno. Bottiglie vuote per terra, vestiti buttati negli angoli, piatti sporchi nel lavandino. Lancio un’occhiataccia al buddah-mediaset e comincio a mettere in ordine. Mi aspetto come ricompensa di rivedere le letterine che sculettano.
La cosa è pulita, mi specchio nel pavimento. Penso che le mattonelle quasi si schifano dei miei piedi ormai. Soddisfatto mi stendo ancora sul divano.

Quant’è che non chiami tua madre?

Sarà un mese

Non è ora che ti fai sentire? Ti sembra il comportamento retto di un bravo figlio?

Ehi non ti pare di intrometterti troppo?

La De Filippi mi guarda con sguardo trasparente. Intervengono vari anonimi tra gli ospiti

Questo ragazzo è proprio irriconoscente!

Un figlio di puttana!

La madre è una zoccola! Ho visto che batteva vicino allo stadio olimpico!

Oh ma che state fuori?

Boooni boooni!

Sono ipnotizzato dal dio delle panze, più snello ma sempre il migliore.

Ok chiamo… basta che la smettete….

Prendo il telefono, faccio il numero. Due ore con mia madre. Attacco la cornetta, mi sento girare le testa.

 

 

 

Apro gli occhi. Vicino a me un vecchio dorme con la bava alla bocca su un letto bianco quasi mistico.
Ho come la sensazione che mi trovo su un pianeta chiamato ospedale.
Mi stringe la mano Linda.

Cosa fai?

Ti stringo la mano

Ma non mi odiavi? Non ero la feccia dell’universo?

Non pensavo arrivassi a tanto senza di me…

Cosa ho fatto?

Sei salvo per miracolo…

Ma cosa è successo? Perchè sono qui?

Sono tornata a casa per prendermi le cose e ti ho trovato mezzo morto

Ma cosa è successo?

Hai rischiato di morire fulminato. Hai infilato il pisello nell’altoparlante della tv.

Annunci

From → Archivio

2 commenti
  1. revel permalink

    Fantastica, davvero. :))

  2. thewines permalink

    ehehe ma ti è successo davvero eheheh..?!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: