Skip to content

6 settembre 2005

Silverado

 

Ho sempre avuto fin da bambino un amore per loro, i cowboy. Ma solo loro, i cowboy, non i butteri o le versioni europee che ogni tanto saltano fuori (come per dire anche questo ci hanno copiato gli americani).
Perchè mi piacciono i cowboy? Perchè a rinascere vorrei avere le gambe storte e il cappello in testa?
A me non attizza la possibilità di poter risultare virile, uno che veste marlboro classic o cose così. Non è certo quello.
Ma vi immaginate un cowboy che scopa? Non esiste. A parte che il cavallo penso debiliti notevolmente, poi che fatica è levarsi tutti quei vestiti di dosso? Pantoloni, camicia, gadget di pelle, stivali, calzini. A me già prende la stanchezza.
Ecco perchè vorrei essere così.
Mi immagino che dormo vestito.
Mi immagino sotto un portico a fumare sigarette di una marca sconosciuta una dietro l’altra, aspettare la sera per un whisky e sputare a terra cozze verdastre.
Mi immagino con la pistola al fianco e un unico pensiero, morire di cancro è morte naturale. Magari ad arrivarci a morire di cancro con gli indiani fetenti che girano, senza considerare i bari e ladri di bestiame.
Anche se probabilmente non avrei alcun bestiame, neanche una casa o una famiglia, o una moglie. E neanche il portico.
Come vaccaro non sarei il massimo, non so usare il lazo, ne tanto meno fare gli urletti yuppi ye, so giusto cavalcare (e solo all’americana, insofferente a tenere le redini all’inglese). Però sarei uno dei migliori in un campo. Quello dei saluti. I saluti di quando si parte a cavallo verso destinazioni lontane migliaia di chilometri senza neanche un borraccia d’acqua e verso il deserto rovente. I saluti da fare a un perfetto sconosciuto che le circostanze ci hanno fatto amico per la pelle e compagno di un’avventura incredibile tra cactus, saloon e pallottole.
Perchè alla fine io sono così, che un giorno ci siamo e domani chissà. Ma fa niente, la vita è cattiva davvero e si può giusto resistere con una buona dose di pazzia nascosta sotto il cappello. E allora ogni attimo è buono per far capire quanto sia importante che ci siamo incrociati, anche solo per un attimo.

 

I due cowboy sono sul loro cavallo e non si guardano in faccia. I loro occhi sono già puntati sull’orizzonte e i cappelli di sempre proteggeranno le loro teste calde dal sole infernale che brucia la sabbia del deserto.

 

Volso: Allora cosa farai adesso che tutto è finito?

Cowboy: Mah, non so, dicono che nel colorado ci sia terra buona e che la regalano…

Volso: Capisco

Cowboy: E tu?

Volso: Nello Yukon fanno un ottimo zucchero velato

Cowboy: Bene, pare proprio che le nostre strade si dividono

Volso: E già

Cowboy: Magari ci rivedremo, un giorno. Addio

Volso: Ciao

Annunci

From → Archivio

16 commenti
  1. grRRiiz permalink

    io neanche son mai salito su un cavallo ma messa cosi’ direi che un tratto di strada lo farei con te per poi salutarsi e cavalcare solitari nel tramonto…
    ¡hasta luego, volso!

  2. bluvetrosmerigliato permalink

    volso …mi fai piangere e ridere …non sto in piedi!!!!

    diodidodio maiuscolo pistolero

    e pensare che sin da bambina volevo diventare indiano.

    yaaaaaaaaaaaaa yyyyyyyyyyyaaaaaaaaaaaa jjjuuuuuuAAAAAAAAAAAAAAAAAaah

    augh

  3. bluvetrosmerigliato permalink

    ei viso pallido……

    ti adoro

    sei proprio una testa calda

    cuore caldo
    culo caldo….opsssssss

    e soprattutto menomale che esisti ti avrei incontrato volentieri anche freddo

  4. Nessuno75 permalink

    Secondo te perchè mi chiamo Nessuno?
    Ci hai creduto davvero alla balla dell’uomo qualunque e tutte quelle stronzate?
    Balle. Il mio mito è Terence Hill nel film “Il mio nome è Nessuno”.
    Leggi qui.
    Ah, e cmq a me piace lo spaghetti western, dove tutto è più vero che non John Wayne che cammina nel saloon con le braccia anchilosate e le chiappe strette che non c’entrerebbe nemmeno uno spillo.
    Quindi le nostre piste si dividono qui, gringo.
    Adiòs!

    PS: vuoi i tuoi soldi? li ho seppelliti al cimitero, nella tomba senza nome.

  5. fatboy permalink

    uhmm.. se mi penso nel vecchio e lontano west mi viene in mente solo un mestiere. il cacciatore di castori. sfatto,barba,selvaggio in mezzo al nulla a dare la caccia a quei dannati e grossi roditori. non so perche’ ma e’ così. mi vedo solo a piazzar trappole per quei feroci animalgenieri, beati e tranquilli intenti nella costruzione delle loro dighe e dei loro rifugi in mezzo al laghetto. armati ai denti, gialli come i miei per il troppo finto tabacco consumato. vederli cadere nelle trappole e ridere come un bambino che gioca davanti alla chiesa con il cerchio. che poi magari ci si incontra. mentre vado a vendere le pelli nel villaggio piu’ vicino in cambio di un po’ di zucchero velato..

  6. revel permalink

    Sono tornato. (risate in sottofondo)

    Coglione, non mi hai aspettato a Roma in quel lontano sette agosto…me la paghi.

    Ci sentiamo comunque, non ho nulla da fare e mi leggo qualcosa del tuo blog, tanto per riprendere l’abitudine. Eh…penso riprenderò l’attività bloggistica (o forse si scrive blogghistica?), ho qualcosa da raccontare anche se ancora non so nemmeno come e poi forse sai anche qualcosa.

  7. bluvetrosmerigliato permalink

    bravo nessuno …igh igh igh ,,bravo,,…….argharghargh……

    erghergherghhegeghghghghhg

  8. Novocaine permalink

    era troppo lungo per essere letto tutto a quest’ora, però mi è saltato all’occhio la frase:
    “Un cowboy che scopa? Non esiste”(chissà perchè proprio questa frase eh? :D)

    mmhhh io me lo immagino….e come! ;)

  9. Lypsak permalink

    E ti piacerebbe essere uno che non scopa? Oh, beh, DE GUSTIBUS…

  10. bluvetrosmerigliato permalink

    AHAHAHAHHAHAHAHAHAAHAHAH diodiodiodidoidoooooooo AHAHHAHAHAAHHAHAH

  11. bluvetrosmerigliato permalink

    noi indiani guardare preda da lontano indiano in agguato , tanto tempo , tempo luna tempo notte tempo sole ,pioggia fa uguale ….indiano poi prendere mira , poi scopare nel nulla.

    ,,,,,………………….augh

  12. whitetrash permalink

    che poi, se i cowboy non scopano, tutte quelle puttane nei saloon che cazzo ci stavano a fare?

  13. bluvetrosmerigliato permalink

    giusto! eppoi perche non c’era una sola donna ( a parte calamity jane poverina) che non faceva altro? sempre co’ ste gonne pizzate incrostate di fango a correre urlndo da una parte all altra della strada ..eggia la attraversavano sempre al momento dell’arrivo dei banditi chissa perche’…ma chi ce crede? cioe solo puttane coi vellutini e i mutandoni da CANCAN ma dove li trovavano?……per questo faccio l indiano ..,,,cosi mi spolpo chi rompe dasimmettterr che sesso umano , lo spolpo e basta……afangulo.non mi voglio vestire da CANCAN .

    l unica cosa che mi fa un po’ invidia…e’ il suono degli speroni sul legno……..merda quello mi piace una cifra……

    SDEDLENG …SKAGLONG …DSLENK SDEKLOG ….per questo ho la freccia foderata di lustrini rubati ad una giarrettiera rossa….fischiano prima di colpire la frinte del nemico bastardo dentro.

  14. bluvetrosmerigliato permalink

    la frinte= fronte bassa del viso pallido = cervello cipollino

  15. bluvetrosmerigliato permalink

    volso……mi basta che non diventi gay

    ehehheeh

  16. volso permalink

    Anche se divento gay mi basterebbe guardarti per cambiare di nuovo idea my dear blu :P

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: