Skip to content

25 novembre 2005

mattina gialla

 

 

 

ma che male mi fa
incazzato non capire cosa succede
non ho mai capito
girare per aule vuote e sigarette una dietro l’altra
ma che male mi fa

custodia rigida ma che prezzo esagerato
sigarette a 3 euro ma che male mi fa
aaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhh

come quella volta sulla neve da morire assiderato
come quella volta
ma che male mi fa

datemi qualcosa da ficcare nel buco
nel petto
aaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhh

come quella volta che urli solo
come quella volta che hai nostalgia
datemi qualcosa per riempire quel buco

come quella volta che nessuno capisce
come quella volta che la gelosia ti ha mangiato il culo
come quella che la vita non l’hai capita
come quella volta che tutto è nero e invece sei tu

che male mi fa
incazzato non capire che succede
e odi tuo fratello
lui non capisce
tu non hai mai capito mentre esplodo

come quella volta che non mi hai baciato
che io ho capito
come quella volta che sono stato male
come quella volta sotto un albero

ma che male mi fa
tredici sigarette una dietro l’altra
allo stadio
piangendo sotto le statue

aaaaaaaaaaaaahhhhhhhh
checca isterica
residuo post maschilista
faresti meglio a starmi lontano
faresti meglio prima che sputo
faresti meglio prima che esplodo

aaaaaaaaaaaaaahhhhh
aaaaaaaaaaaaaahhhhh
scendi dal piedistallo
vieni qua tra noi
vieni a prenderlo in culo
vieni a giocare bendato
aaaaaaaaaaaaaahhhhhh
aaaaaaaaaaaaaahhhhhh
aaaaaaaaaaaaaahhhhhh

scendi a farti fare una foto
scendi mettiti a fuoco
datti fuoco
come quella volta che la vita era bianca
e tu la insozzavi

cara mia ti odio
amore mio quando mi lasci
amore mio come quando sotto l’albero
amore mio come quando sul muretto
amore mio come al telefono con un altro

aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh
fanculo alle tue stronzate
fanculo a gesù cristo bambino
fanculo a quando non ho capito

come quella volta che il cervello ti ha lasciato
immerso in una boccia di qualcosa
era farmaco
era farmaco

aaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhh
non le pare un pò cara questa roba?
non ti pare che rubi?
non mi pare che non ho capito?

come quella volta che due quindicenni
erano lì
e tu hai sputato a terra
e tu hai fumato tredici sigarette

aaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhh
scendi dal piedistallo
qui tra noi a prenderlo in culo
scendi dal piedistallo
prima di esplodere

aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh
quando stavi a giocare con la matita
quando stavi a dormire sulla neve
quando le foglie cadevano su di te
quando non mi hai baciato

aaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhh
era farmaco era farmaco

la vita è buona con me
io sono il re
non credere a quello che ti dicono
ti hanno già fregato
però
prima che esplodo

ammazza mamma
a pezzi mamma
dammi qualcosa per riempire il vuoto
dammi un re
manda il messia prima che

aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhh
hanno mandato i facchini
hanno mandato i maghi
per calmarti per calmarti

come quella volta che mi dovevi lasciare stare
come quella volta che non dovevi parlare
come quella volta che mi dovevi lasciare
come quella volta che ti odiavo
come quella volta che non dovevi
come quella volta che non hai capito
come quella volta che non c’è
come quella volta sul letto
come quella volta sul tavolo
aaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhh

stronzo becero qualunquista
infame giocatore di scacchi
infame culturista letterario
non ci sono amici
non c’è reame non c’è paradiso

se non mi dai niente io muoio
come quella volta sulla neve sotto un albero
con la vodka ad urlare
aaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhh

la sigaretta in mano
che non si stacca dalla bocca
non si stacca dalla bocca
questa custodia rigida costa troppo
questa custodia rigida è un furto

no no no
non mi toccare
muori crepa lasciami stare
non vedi che sto da me
non vedi che sto a pensare
non vedi che non mi va
aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhh

perchè dove?
non ho fame non mi guardare
non ho voglio giocare
non voglio uscire
queste sigarette non sono buone
e tu non capisci esplodere

le dita non sono fredde
il sole non è caldo la luna non è romantica
no non mi allaccio le scarpe
aaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhh

la mattina è gialla e io non ci sarò
aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhh
aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhh

 

Annunci

From → Archivio

6 commenti
  1. anonimo permalink

    ti spiace se te la rubo e l’invio a chi dico io?

    maynardo

  2. volso permalink

    fai pure se ti piace.

  3. bluvetrosmerigliato permalink

    se ok ma basta che si scrive la fonte

    aho qua si scippa eh!!!

    ;-

  4. bluvetrosmerigliato permalink

    ..a volte ( non mi riferisco a te volso) …forse spesso mi chiedo se un uomo sa urlare e piangere o incazzarsi fino a cadere con le ginocchia per terra e perdersi per trovare la forza di ribellarsi e dire cio che pensa anche se ormai crede di non riconoscersi piu….

    ok notteeeeeeeeee

  5. crazymary78 permalink

    Gran bel post.

  6. bluvetrosmerigliato permalink

    maynardo, non scherzavo prima sul fatto di specificare la fonte. qui sui blog e’ tutto uno scippa scippa con tutto e non mi sta bene …..lo dico anche per me che mi hanno gia fregato un sacco di roba e metto solo immagini adesso. sia chiaro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: