Skip to content

10 febbraio 2008
Il materiale per questo post è stato preso da:

http://www.rosabianca.org/

Mentre si avvicina la mia bocciatura, visto che sono una crapa lessa, oggi torniamo a parlare di politica.
Non voglio però tediarvi più di tanto, partirò da un piccolo dato, la scelta del nome per un nuovo partito-movimento di centro, e poi lascerò parlare la storia.
Il nome in questione è la "Rosa Bianca", nuovo partito bidone in cui confluiscono alcuni fuorisciti dall’Udc e personaggi che cavalcano movimenti papisti tipo il family day et simili.
In particolare si parla di Tabacci e Baccini. Metto il cognome perchè penso sia giusto segnalare la paternità di certe sciocchezze .
Perchè questa è ignoranza. Bastava dare una controllatina su internet. Non voglio dire che questi personaggi devono conoscere punto per punto la storia di un paese come la Germania (ma questi dopotutto, cosa conoscono? Cosa studiano? Chi sono?), ma un po’ di cura in certe scelte sarebbe d’obbligo.
Soprattutto nel rispetto di chi ha perso la vita combattendo contro il nazismo. Sopratutto per non fare confusione, perchè la Rosa Bianca è già qualcosa, per la storia e per la memoria. E i rimasugli della democrazia cristiana, mescolati a movimenti pseudo integralisti e clericali, non c’entrano nulla con tutto questo.
Alcuni giornali hanno segnalato la gaffe, qui vi propongo anche dei testi per rendervi un po’ conto di cosa di parla.
Piccola introduzione:

La Rosa Bianca (Weiße Rose) è un gruppo di studenti che negli anni dal 1942 al 1943 nell’Università di Monaco sceglie di far sentire la sua voce contro l’indifferenza e la paura del popolo tedesco verso la dittatura nazionalsocialista.

Come disse poi Theodor Heuss "contrapponevano la purezza degli intenti e il coraggio della verità, alle frasi vuote e alla menzogna".

Tutti processati, sommariamente, e condannati a morte.

http://www.rosabianca.org/index.php/it/le_radici/i_testimoni

Questo è il primo volantino di sei che gli studenti avevano preparato e distribuito.

   Per un popolo civile non vi è nulla di più vergognoso che lasciarsi " governare" , senza opporre resistenza, da una cricca di capi privi di scrupoli e dominati da torbidi istinti. Non è forse vero che ogni tedesco onesto prova vergogna per il suo governo? E chi di noi prevede l’ onta che verrà su di noi e sui nostri figli, quando un giorno cadrà il velo dai nostri occhi e verranno alla luce i crimini più orrendi, che superano infinitamente ogni misura?
Se il popolo tedesco è già così profondamente corrotto e decaduto nel più profondo della sua essenza, da rinunciare senza una minima reazione, con una fiducia sconsiderata in una legittimità discutibile della storia, al bene supremo dell’uomo che lo eleva al di sopra di ogni creatura, cioè la libera volontà, ovverosia la libertà che ha l’uomo di influenzare il corso della storia e di subordinarlo alle proprie decisioni razionali; se i tedeschi sono già così privi di ogni individualità, se sono diventati una massa vile e ottusa, allora sì che meritano la rovina. Goethe definisce i tedeschi un popolo tragico come gli ebrei e i greci, ma oggi questo popolo sembra che sia piuttosto un gregge di adepti, superficiali, privi di volontà, succhiati fino al midollo, privi della loro essenza umana, e disposti a lasciarsi spingere nel baratro.
Così sembra, ma non lo è. Ogni individuo è stato chiuso in una prigione spirituale mediante una violenza lenta, ingannatrice e sistematica; e soltanto quando si e , trovato ridotto in catene, si è accorto della propria sventura.
Soltanto pochi hanno compreso la rovina incombente, ed essi hanno pagato con la morte i loro eroici ammonimenti.
Si parlerà ancora del destino toccato a queste persone. Se ognuno aspetta che sia l’altro a dare l’avvio all’opposizione, i messaggeri della Nemesi vendicatrice si avvicineranno sempre di più; e allora anche l’ultima vittima sarà stata gettata senza scopo nelle fauci dell’insaziabile demone. Perciò ogni singolo, cosciente deUa propria responsabilità come membro della cultura cristiana ed occidentale, deve coscientemente difendersi con ogni sua forza, opporsi in quest’ultima ora al flagello dell’umanità, al fascismo e ad ogni sistema simile di stato assoluto.
Fate resistenza passiva, resistenza ovunque vi troviate; impedite che questa atea macchina di guerra continui a funzionare, prima che le altre città siano diventate un cumulo di macerie come Colonia, e prima che gli altri giovani tedeschi abbiano dato il loro sangue per ogni dove a causa dell’orgoglio smisurato di un criminale. Non dimenticate che ogni popolo merita il governo che tollera!

Da La legislazione di Licurgo e Solone di Friedrich Schiller
La legislazione di Licurgo è un modello di politica e psicologia in relazione al fine che si propone. Egli voleva uno stato potente, fondato su se stesso ed indistruttibile; forza politica e durata erano gli obiettivi a cui egli mirava, e questo fine lo ha raggiunto nel grado che era possibile nelle sue condizioni. Ma quando si raffronti lo scopo che si proponeva Licurgo, agli scopi dell’umanità, una profonda disapprovazione deve subentrare all’ ammirazione che ci ha avvinti ad un primo superficiale sguardo. Ogni cosa deve essere sacrificata al bene dello stato non è mai in se stesso un fine, ma esso è importante solo come una condizione attraverso la quale può essere raggiunto il fine dell’umanità non è altro che l’espressione di tutte le risorse dell’uomo, il progresso. Se un ordinamento statale ostacola lo sviluppo di tutte quelle risorse che si trovano nell’uomo, se esso impedisce lo sviluppo dello spirito, esso è deprecabile e dannoso, per quanto possa essere elaborato e perfezionato nella sua forma. a sua stessa durata diventa più un motivo di rimprovero che di successo ; esso è solo un prolungamento del danno; infatti più dura nel tempo, più danni comporta.
…Il merito politico e l’ attitudine alla politica vennero sviluppati a scapito di tutti i sentimenti morali. A Sparta non esisteva né l’amore coniugale, né l’amore materno, né l’amore filiale, né l’amicizia. Esistevano soltanto dei cittadini e delle virtù civiche.
Una legge di stato imponeva agli spartani di essere disumani verso i loro schiavi; in queste infelici vittime delle guerre veniva insultata e maltrattata l’ umanità. Nello stesso codice giuridico spartano veniva insegnato il principio pericoloso di considerare gli uomini come mezzo e non come fine. In tal modo i fondamenti dei diritti essenziali della legge naturale e della morale venivano legalmente infranti.
…Quanto più bello fu l’esempio dato dal rude guerriero Caio Marcio nel suo accampamento davanti a Roma, allorquando sacrificò la vendetta e la vittoria perche egli non poteva vedere scorrere le lacrime della madre !
…Lo stato (di Licurgo) poteva sopravvivere ad una sola spirito del popolo si fosse estinto ; avrebbe potuto quindi durare solo se esso avesse mancato al più alto e unico scopo dello stato.

Da Il risveglio di Epimenide di Goethe
Atto secondo, scena quarta
Genî
Quello che audacemente è uscito fuori . dall’abisso ,
può per un ferreo destino
soggiogare metà della sfera terrestre,
ma nondimeno nell’abisso deve tornare.
Già minaccia un terribile timore :
egli invano cercherà di resistere !
E tutti coloro che a lui sono legati
dovranno perire con lui.
La speranza
Ora incontro i miei valorosi,
che si radunano nella notte ,
per tacere , non per dormire ;
e la bella parola "Libertà"
viene bisbigliata e sussurrata,
fino a che con insolita novità
sui gradini dei nostri templi
grideremo ancora con nuovo entusiasmo :
"Libertà! Libertà! "

Immagino che Tabacci e Baccini hanno costruito un programma stratosferico, insieme a Pezzotta e al papino Raz, per essere all’altezza di tutto questo.

Annunci

From → Archivio

10 commenti
  1. thewines permalink

    la rosa bianca erano anche gli York. e io ora voglio i Lancaster della rosa rossa, e il ritorno al 1400, che almeno era più divertente.

    sesa

  2. volso permalink

    non c’entra niente ma ok, abbiamo un altro precedente adesso.

    ma sta attenta a fare riferimenti a caso, la censura ti osserva . Ah ah.

  3. thewines permalink

    lo so che non c’entra niente…non fare il saccente cummè che ti sparo.
    prot

  4. volso permalink

    se lo sai allora evita, crapa lessa, oppure taci. HAI CAPITO??? GUARDA CHE CANCELLO I TUOI COMMENTI!

  5. Misiu permalink

    “Immagino che Tabacci e Baccini hanno costruito un programma stratosferico, insieme a Pezzotta e al papino Raz, per essere all’altezza di tutto questo”….
    avranno perlomeno organizzato un buffet…

  6. volso permalink

    sesa, che hai detto?

  7. volso permalink

    tramezzini per tutti. Ieri da Frizzi c’era il mestiere “fa tramezzini”, ottimi per i buffet

  8. thewines permalink

    te sfonno.
    fascista.

    (il programma di frizzi ha legittimato il mio modo di giocare a nomi cose città…ora tra i mestieri ci posso mettere quello che voglio e non faccio più la figura barbina. grazie frizzi.)

  9. Misiu permalink

    il programma di frizzi legittima qualcosa oltre alla sua inutilità?oibò sono esterrrrrrrefatto (le erre sono per aumentare l’effetto)

  10. Efils.J permalink

    hanno fatto anche un film sulla rosa bianca. non il nuovo partitello ovviamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: