Skip to content

21 luglio 2008
Mi spaventa la prospettiva italiana. In realtà, mi spaventa il mondo intero.
Questo oceano di squali, di pezzi di merda, di ignoranti. Ho sbagliato tutto, anche nelle mie ultime considerazioni politiche, sulle elezioni.
Mi sono lasciato incasinare, come tanti altri, purtroppo. E va a finire che uno si riscopre D’Alemiano, dico, profondamente più italiano di Veltroni che da dove viene? da un pub dove suonano jazzzz?
Non lo so, sul serio. Questo sbandamento totale, questa disaffezione ad ogni cosa.
Se qualcuno non ci crede, beh in realtà è tutto molto molto peggio. Perchè sta succedento tutto in nostra absentia. Stiamo navigando altrove, in un spazio superterreno, da dove possiamo guardare, osservare, ascoltare ogni cosa. E possiamo anche toccare e rimanere scottati volendo. Quando proprio non abbiamo un cazzo da fare.
Ad un ventenne l’Italia non può andare bene, davvero. L’Italia è un cumulo di macerie morali, culturali. E se lo dico io, se proprio io sono costretto a dire morale, culturale. Ma dove andrete a farvi fottere?
Non è colpa mia, è colpa di eugenio scalfari. Di questi liberali così mortificanti, così spiccioli. A me non piacciono, non ci riesco. E non parliamo del resto, dello stuolo dei libertini in casa libera.
Vederlo dissertare con Asor Rosa, mamma mia. E’ questo forse? La mancanza di fantasia? La paura che ho del vecchio? delle discussioni vuote, noiose, preistoriche? Che sturbo: ho letto spinoza e nic, mi ci faccio l’autografia con ritaglio adeguato, hai un caos dentro facci una stella danzante (sic!)! Io non ci riesco! E che nic non era nichilista?

GRAZIE AR CAZZO! GRAZIE AR CAZZO!
Le discussioni pacate, da salottino bene, tra persone intelligenti sono sempre una bellissima cosa.
Ma quando ci si prova e non riescono, allora non esiste spettacolo più desolante.
A me di tornare in Italia preoccupa. Preoccupa cominciare ad avere delle pretese, di qualunque tipo.
In fin dei conti, il tempo scorre. Se sono sfortunato, prima o poi comunque mi laureo.
E poi? E poi dovrei discutere di cosa? Certo, l’Italia è bella. Bellissima, lo so, ho quel minimo di senso estetico che mi salva dal trovare attraenti i sacco dell’immondizia (ma non quelli neri, tutti ben messi, che sono uguali a quelli per i cadaveri).
Ma il desiderio non basta. Su questo non c’è dubbio, in nulla.

Ok, io tra un’ora e mezza mi alzo. E’ come se già dormissi, in realtà, da una vita.

Annunci

From → Archivio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: