Skip to content

9 gennaio 2009

Ecco a voi uno spunto sulla vita di Giacobbe. Un uomo dalle indubbie qualità, un uomo capace di lavorare per sette anni pur di avere la sua amata come moglie. Peccato che sul più bello non si accorge di essere andato a letto con la sorella. Quindi altri sette di lavoro. E questa è solo la prima parte, poi parleremo delle schiave delle due sorelle con cui sempre il nostro beniamino avrà a che fare.
Sempre dalla bibbia, nell’ultima versione della Cei (quella del Luzzi era veramente antipatica).

29:10 Quando Giacobbe vide Rachele figlia di Labano, fratello di sua madre, e le pecore di Labano, fratello di sua madre, si avvicinò, rotolò la pietra dalla bocca del pozzo e abbeverò il gregge di Labano, fratello di sua madre.
 29:11 Poi Giacobbe baciò Rachele, alzò la voce e pianse.
 29:12 Giacobbe fece sapere a Rachele che egli era parente del padre di lei, e che era figlio di Rebecca. Ed ella corse a dirlo a suo padre.
 29:13 Appena Labano ebbe udito le notizie di Giacobbe figlio di sua sorella, gli corse incontro, l’abbracciò, lo baciò, e lo condusse a casa sua. Giacobbe raccontò a Labano tutte queste cose;
 29:14 e Labano gli disse: «Tu sei proprio mie ossa e mia carne!» Così abitò presso di lui per un mese.

 29:15 Poi Labano disse a Giacobbe: «Perché sei mio parente devi forse servirmi per nulla? Dimmi quale dev’essere il tuo salario».
 29:16 Or Labano aveva due figlie: la maggiore si chiamava Lea e la minore Rachele.
 29:17 Lea aveva gli occhi delicati, ma Rachele era avvenente e di bell’aspetto.
 29:18 Giacobbe amava Rachele e disse a Labano: «Io ti servirò sette anni, per Rachele tua figlia minore».
 29:19 Labano rispose: «È meglio che io la dia a te piuttosto che a un altro uomo; resta con me».

 29:20 Giacobbe servì sette anni per Rachele; e gli parvero pochi giorni, a causa del suo amore per lei.
 29:21 Poi Giacobbe disse a Labano: «Dammi mia moglie, perché il mio tempo è compiuto, e io andrò da lei».
 29:22 Allora Labano radunò tutta la gente del luogo e fece un banchetto.
 29:23 Ma, la sera, prese sua figlia Lea e la condusse da Giacobbe, il quale si unì a lei.
 29:24 Labano diede la sua serva Zilpa per serva a Lea, sua figlia.

 29:25 L’indomani mattina ecco che era Lea! Giacobbe disse a Labano: «Che mi hai fatto? Non è per Rachele che ti ho servito? Perché mi hai ingannato?»
 29:26 Labano rispose: «Non è usanza da noi dare la minore prima della maggiore. Finisci la settimana nuziale con questa
 29:27 e ti daremo anche l’altra, per il servizio che presterai da me per altri sette anni».
 29:28 Giacobbe fece così, e finì la settimana di quello sposalizio; poi Labano gli diede in moglie sua figlia Rachele.
 29:29 Labano diede la sua serva Bila per serva a Rachele, sua figlia.

 29:30 Giacobbe si unì pure a Rachele, e amò Rachele più di Lea, e servì Labano per altri sette anni.

 

Annunci

From → Archivio

2 commenti
  1. misiasays permalink

    ma pensa te che coincidenza. proprio ieri sul libro che sto leggendo (follie di brooklin di paul auster) citavano la storia di giacobbe ed esaù e oggi mi sono letta un pò di cose a riguardo, tra cui le vicende di giacobbe e rachele.

  2. revel permalink

    Il punto è che labano era un grande puttaniere e le due donne non le figlie…oppure labano aveva tendenze strane e per vedere faticare giacobbe per sette anni, con zappa alle mani e sudore sui muscoli, lo fregò dando prima la figlia brutta, poi la bella. Però anche giacobbe…che figuraccia scambiare le due!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: