Skip to content

19 aprile 2010
Diciamo che ognuno di noi ha una storia, la sua. Quella che vive. In realtà, però, ne conosce infinite. Sono tutte variazioni sul tema; basta fare un taglio, un’aggiunta, come direbbe una ragazza molto carina: "dei montaggi". Salti mortali, oppure no, insomma. Potremmo davvero dire che la biologia è lo spunto iniziale, poi arriviamo a questioni cosmiche. Tipo, il romanticismo della Luna. Perché la Luna è romantica? Mah, eppure funziona.
Per quanto mi riguarda il taglio e il cucito sono un lavoro di chiusura, un lavoro di cui tra l’altro posso dire zero, perché non ho chiuso mai nulla,  tranne la zip dei jeans, quella si, mille volte, perché è rotta e mi si apre sempre lasciandomi spesso a passeggiare con quell’aria spensierata di pedofilo maniaco. Ah no, una volta ho "chiuso" un raccolta di cosi che ho chiamato "cadaveri metropolitani" e insomma, il titolo spiega tutto no?
Che mal di testa. Continuo domani sto discorso.
Annunci

From → Archivio

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: