Skip to content

copywriter (3)

27 febbraio 2013

Credo di non aver mai scritto così tanto in vita mia.
Intorno alle 20mila parole in un pugno di giorni. 72 ore, circa. Se avessi avuto fantasia becerotta, sarebbe stato per lo meno post office.
Invece è il lavoro del copywriter, non che non lo sapessi, ma mai avevo provato questa strana sensazione a fine consegna.
Mai così ben delineata e fisica.
Bocca impastata, il pensiero annebbiato, confusione nell’articolare una frase sensata.
Prosciugato.
Dopo due giorni riprendo contatto con la realtà, il sole è freddo, non è arrivata la primavera.
Mi piace il sole freddo, mi ricorda il nord, la germania che mi ha gelidamente coccolato, o il sud brullo da dove saltano fuori le mie radici.
Intanto sono passate le consultazioni, provo un sottile piacere nel valutare i risultati.
Non capisco l’isterismo, trovo banale il disfattismo, il presente mi disgusta.
Ho preso la moleskine e ho appuntato nomi, commissioni, messaggi e email da scrivere.
Ordine.
Una mania delicata, tipica di quando si è sull’orlo di una crisi di nervi.
Oppure Ordine e basta, tabula rasa emotiva.
Non mi fa alcuna differenza.

Annunci

From → Roma

2 commenti
  1. “Una mania delicata, tipica di quando si è sull’orlo di una crisi di nervi.
    Oppure Ordine e basta, tabula rasa emotiva.
    Non mi fa alcuna differenza”. hai reso bene.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: